+39 049 2276 410 info@veneco.it

Vuoi entrare a far parte di una Comunità Energetica Rinnovabile (CER)? Da oggi è possibile: nasce VenecoCER, una Comunità Energetica per tutti, che potrà essere formata da diverse configurazioni e contribuirà alla transizione energetica e al raggiungimento dell’indipendenza energetica del nostro paese.

Ma facciamo prima un passo indietro.

Cos’è una Comunità Energetica Rinnovabile (CER)?

Una CER è un insieme di cittadini, piccole e medie imprese, enti territoriali e autorità locali, che condividono l’energia rinnovabile prodotta da impianti di uno o più soggetti facenti parte della comunità e collegati alla stessa cabina primaria. Non tutti i soggetti sono obbligati a essere in possesso di un impianto di generazione di energia rinnovabile, si distingue infatti tra prosumer e consumer. L’obiettivo è quello di fornire benefici ambientali, economici e sociali ai membri della CER attraverso l’autoconsumo di energia rinnovabile, ma anche la riduzione delle emissioni di gas serra e l’indipendenza energetica.

Il decreto CER

A gennaio 2024 è stato pubblicato il decreto del MASE che prevede contributi per le configurazioni di autoconsumo per la condivisione dell’energia rinnovabile. Gli incentivi si applicano in presenza dei seguenti requisiti:

  • La potenza nominale massima del singolo impianto risulta non superiore a 1 MW;
  • Le CACER che accedono agli incentivi di cui al presente Titolo sono realizzate nel rispetto delle condizioni previste dagli articoli 30 e 31 del decreto legislativo n. 199 del 2021 e operano, in interazione con il sistema energetico, secondo le modalità individuate dall’articolo 32 del medesimo decreto legislativo;
  • Le CER risultano già regolarmente costituite alla data di entrata in esercizio degli impianti che accedono al beneficio;
  • Gli impianti di produzione e i punti di prelievo facenti parte delle CACER sono connessi alla rete di distribuzione tramite punti di connessione facenti parte dell’area sottesa alla medesima cabina primaria;
  • Gli impianti rispettano il principio Do No Significant Harm (DNSH);
  • L’investimento concorre al raggiungimento degli obiettivi climatici;
  • Le CACER assicurano che l’eventuale importo della tariffa premio eccedentario, rispetto a quello determinato in applicazione del valore soglia di quota energia condivisa espresso in percentuale, sia destinato ai soli consumatori diversi dalle imprese e/o utilizzato per finalità sociali aventi ricadute sui territori ove sono ubicati gli impianti per la condivisione;
  • Gli impianti rispettano i requisiti di cui all’articolo 8, comma 1, lettera a) del decreto legislativo n. 199 del 2021.

Gli incentivi

Il decreto prevede il riconoscimento di una tariffa premio sulla base dell’energia condivisa incentivata, data dalla sommatoria della tariffa fissa (riconosciuta per vent’anni) e della tariffa variabile in funzione del prezzo del mercato dell’energia, con un valore totale compreso tra 0,08 e 0,13 €/kWh.

Il PNRR ha stanziato un incentivo per gli impianti installati nei comuni con una popolazione residente inferiore a 5.000 abitanti. La misura prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto fino al 40% delle spese ammissibili, nel limite del costo di investimento massimo di riferimento:

Potenza impianto Massimale ammissibile
Fino a 20 kW 1.500 €/kW
Tra 20 kW e 200 kW 1.200 €/kW
Tra 200 kW e 600 kW 1.100 €/kW
Tra 600 kW e 1.000 kW 1.050 €/kW

 

A fronte del contributo a fondo perduto, la tariffa incentivante si dimezza (da 0,04 a 0,07 €/kWh).

Come richiedere il beneficio

Le richieste di incentivo devono essere inoltrate entro il 31 marzo 2025 (salvo esaurimento fondi). Sono previsti 5,7 miliardi di euro, di cui 2,2 miliardi provenienti dal PNRR.

Tutte le informazioni e il decreto sono disponibili qui.

Fai parte di un comune sotto i 5.000 abitanti e desideri diventare membro di VenecoCER? Affrettati e compila il modulo sottostante.

Contattaci per maggiori informazioni

Vuoi ricevere maggiori informazioni su questo argomento?
Compila il modulo con i tuoi dati di recapito per essere ricontattato dal nostro Servizio Clienti.

 

Privacy

Newsletter

×